Dagospia: fattore t-ommassini

Dagospia: fattore t-ommassini

“Il quartiere romano che chiamavo “first valley” non mi offriva nulla, ancora minorenne sono sbarcato in america da immigrato illegale. ce l’ho fatta perche’ ho imitato il coraggio dei grandi” – in attesa di “X factor” si gode gli applausi di venezia per le coreografie di “Ammore e malavita”